ESL Italia Championship: l'epilogo

Scopri come è andata la fase finale di Torino!

Le finali di ESL Italia Championship al Torino Comics and Games

Questo sabato, nel fantastico stage preparato da ESL Italia al Torino Comics and Games, si sono svolte le finali della Winter Season del Campionato Italiano di League of Legends. Gli inFerno sono riusciti a qualificarsi alla Final Four in LAN grazie al quarto posto ottenuto nella fase online, conquistando così l’ultimo spot valido per i Playoff. Per tutti e cinque gli OrangeBlack è stata la prima partita dal vivo assieme, e di certo non sarà l’ultima. Alle ore 11 i Diavoli sono quindi scesi nella Landa, contro un avversario davvero ben preparato come gli Outplayed che, usciti dalla prima fase imbattuti e avendo concesso un solo game agli avversari nel corso dell’intero girone, erano considerati alla vigilia i favoriti insieme al Team Forge. Prima della partita vi è stato un piccolo scambio di opinioni proposto dal caster RampageInTheBox ai due capitani, Skel e Belze, che ha denotato la differenza di stile tra le due squadre: quando il presentatore ha chiesto a Skel se avesse qualcosa da dire agli avversari, il nostro Toplaner ha risposto umilmente di non essere una persona cattiva, non volendo mancare di rispetto nei confronti degli Outplayed. Passata la parola a Belze, questi ha voluto provocarci con un tanto lapidario quanto irriguardoso “Grazie per il tutorial”. Non c’è di che, caro Belze, ci dispiace solo che ciò che avete imparato giocando contro di noi non sia stato sufficiente a farvi vincere nemmeno un Game nella finalissima contro i Forge.

La concentrazione di Coach ATL e dei suoi Diavoli nel pre-partita

 

La parola quindi passa alla Landa degli Evocatori, ma prima ovviamente sono i due coach a sfidarsi nel creare la migliore composizione di squadra nella fase di draft. A Luque viene tolta Sejuani, forse il suo miglior campione, e a Phantomles viene bannato Corki. Lo svedese allora si affida alla sua Syndra, che contro la Orianna di DrMatt gioca un match-up sicuramente favorevole. Jerryyyy e Sharpie prendono rispettivamente Thresh e Caitlyn, mentre Skel sceglie il sempreverde Maokai. Nell’early game accade ben poco, ma al 13esimo minuto la partita si infiamma. Sfortunatamente pero’ sono gli ArancioNeri a rimanere bruciati: in rapida successione cadono Phantomles e Jerryyyy, rispettivamente per mano della Miss Fortune di Tra1tor e dell’Orianna di DrMatt. I nostri provano a reagire ma, complice anche la sfortuna, al minuto 16 ottengono due uccisioni a fronte di quattro morti, con il solo Jerryyyy a rimanere in vita a difendere. Da questo momento gli Outplayed si trovano la strada spianata verso il Nexus degli inFerno, che provano valorosamente a difendersi ma devono alfine capitolare dopo mezz’ora di gioco.

La concentrazione negli occhi di Jerryyyy: il nostro Support ha saputo distinguersi nonostante la sconfitta

Nel secondo Game della serie l’inerzia rimane dalla parte dei nostri avversari, che sostituiscono Belze con Ryko1, che va a selezionare il suo GangPlank. Luque riesce ad assicurarsi la sua Sejuani, mentre Jerryyyy sceglie Tahm Kench in questa partita, campione con cui sarà autore di una buona prestazione nonostante la sconfitta finale. In Toplane Skel seleziona uno dei suoi campioni più utilizzati, ovvero Shen, mentre il match-up nella Corsia Centrale vede ancora Syndra nelle mani di Phantomles, che stavolta trova di fronte a se uno dei suoi peggiori incubi: Ekko. La partita inizia subito in salita per gli inFerno: il giocatore svedese viene infatti brutalmente eliminato più di una volta da parte della coppia ShadòwDrMatt, che abusano del fatto che la Sovrana dell’Oscurità sia un campione tanto temibile quanto, ahinoi, immobile. Inizia così lo snowball da parte del Ragazzo che ha infranto il Tempo, che però non è irreparabile visto che il nostro Sharpie si trova tra le mani Tristana, un campione dal potentissimo scaling. Durante la partita, per l’appunto, ho avuto la possibilità di parlare con coach ATL, il quale mi ha detto che, qualora fossimo riusciti ad arrivare a 22-23 minuti con uno svantaggio in oro inferiore a 2.000, avremmo avuto buone possibilità di portarci a casa il punto del pareggio. Purtroppo, come ben sanno i giocatori di
SoloQ, quando Ekko prende un vantaggio risulta spesso e volentieri semplicemente inarrestabile. DrMatt chiuderà con 10 uccisioni senza mai morire, portando a casa la vittoria nella serie per 2-0 e guidando gli Outplayed alla finale.

L’abbraccio tra Brizz e Phantomles a serie finita: passato, presente e futuro della scena competitive italiana di League of Legends

Nessun rimpianto per i nostri Diavoli, che sì sono stati sconfitti anche nella finale 3-4 posto per mano del Team Qlash in una serie molto combattuta, ma hanno acquisito notevole esperienza giocando per la prima volta in LAN e, rimanendo insieme qualche giorno, sicuramente hanno avuto modo di “fare gruppo”. Non ci piangiamo addosso, non dimentichiamo dove eravamo solo un anno fa. Di questo passo, la prossima LAN giocheremo sicuramente con più fermezza e, chissà, magari riusciremo anche ad arrivare fino in fondo. Per il momento, oggi e come sempre, #LetsGOrangeBlack.

Scroll Up