Kenneth Fok è il nuovo presidente

È anche connesso al Comitato Olimpico di Hong Kong

La Federazione Asiatica Esports nomina il nuovo presidente

Kenneth Fok è stato eletto presidente della Federazione Asiatica degli Sport Elettronici, precedentemente ricopriva il ruolo di vicepresidente della Federazione Sportiva di Hong Kong e del Comitato Olimpico e va a sostituire la kazaka Natalya Sipovich.

Il neo eletto è il figlio di Timothy Fok, Presidente della Federazione Sportiva & Comitato Olimpico di Hong Kong. Kenneth è stato eletto incontrastato, dopo che la sua predecessora Sipovich ha dato le dimissioni terminando così il suo incarico decennale.

La Sipovich ha dichiarato di essersi fatta da parte cosicché la nuova generazione possa prendere in mano la Federazione:

È stato un grande onore per me essere stata Presidente, ma dopo dieci anni penso sia il momento di passare le redini ad una persona più giovane, questo è uno sport che appartiene proprio ai più giovani.

Kenneth Fok si è invece espresso così in relazione al mondo esportivo:

Questo è uno degli sport in maggiore crescita a livello mondiale, ma soprattutto in Asia. Sarà tutto molto emozionante poiché la tecnologia cambia molto rapidamente e sarà fondamentale lavorare insieme ai nostri partner in modo da espandere questo fenomeno guardando sempre al domani.

 

Attraverso l’elezione di Fok e la sua connessione con il Comitato Olimpico, si crea un importante congiunzione fra sport ed esport lasciando intravedere ampie possibilità di inserimento di quest’ultimo fra le discipline olimpiche a Parigi 2024, argomento, negli ultimi mesi, di ampie discussioni.

Tuttavia le critiche non mancano, ci sono molti argomenti e contesti da prendere in considerazione seriamente. Le preoccupazioni principali sono la violenza di alcuni videogames e la presenza necessaria di regolamenti ben definiti insieme all’adozione del fair play e controlli anti doping. Lo stesso Fok mette in guardia il mondo esportivo aggiungendo che bisognerà prepararsi al “cinismo” di chi non considera gli esports al livello degli sport tradizionali.

Noi aggiungiamo citando (non proprio letteralmente) una frase famosa che questo sembra essere “Un piccolo passo per l’uomo ma un grande passo per l’esport!”
Non ci resta che attendere nuovi sviluppi, noi #OrangeBlack saremo pronti a competere per rappresentare l’Italia non appena gli esports saranno una disciplina ufficiale!


Scritto da Arcangelo Manfredonia

Scroll Up