Single Blog Title

This is a single blog caption

EIC Summer 2018: inizio perfetto per il nostro team di League of Legends!

Le finali di Lega Prima disputate al Romics hanno sancito la fine dello Spring Split per la stagione competitiva di League of Legends 2018. Ma, per i Diavoli, non vi è stato tempo per le vacanze: appena quattro giorni dopo il trionfo degli Outplayed sui ragazzi del Team Forge nella finalissima di Roma, ha avuto inizio ufficialmente l’edizione estiva di ESL Italia Championship e, di conseguenza, anche il Summer Split.

La prima partita di questa EIC estiva ha visto gli inFerno opporsi ai Racoon in una sfida davvero interessante, essendo entrambi i team considerati alla vigilia come potenziali outsider: i Racoon, peraltro, nell’ultima Lega Prima hanno dimostrato ottimi miglioramenti, sapendo tenere testa anche a squadre ben più blasonate come il Team Forge. Tutto ciò li rende davvero temibili da affrontare per i Devils, che per di più cambiano in due ruoli il quintetto base, introducendo il greco Theofilos ‘Tunaraz’ Papadopoulos in Giungla e Marco ‘BloodyMark’ Hu come Supporto.

La prima draft di questa nuova EIC si vede gli inFerno selezionare l’ottimo Sion di Claudio ‘Infinity’ Scuderi, Skarner nella Giungla, Cassiopeia che finisce nelle sapienti mani di Kim Phantomles’ mentre nella Corsia Inferiore un’ottimo duo Sivir-Karma per Pierpaolo ‘Saddy‘ Oliva e BloodyMark. I Racoon rispondono con Ornn in Toplane, Zac in Giungla, Ryze in Corsia Centrale e la coppia Caitlyn-Nami a completare lo schieramento. Fin dai primissimi minuti si intuisce che siamo in procinto di assistere ad una partita divertente e ricca di azioni da parte di entrambe le parti in campo, come si può già vedere da questo caotico fight. 

Dopo una manciata di minuti dall’inizio della partita, vediamo il primo fight 5 contro 5 della partita svolgersi nella Giungla dei RCN

 

Il game procede con continui capovolgimenti di fronte. Gli inFerno alla mezz’ora sembrano spuntarla, riuscendo a prendere anche il primo Barone Nashor della partita: tale obbiettivo, nel corso del match, si rivelerà una potente arma a doppio taglio, in quanto prima gli inF, ma poi anche i RCN, non riescono a sfruttare il powerplay, anzi finiscono per perderlo a causa di errori meccanici e di posizionamento. Il tutto certamente va a vantaggio dello spettacolo, sebbene non sia di certo la partita tecnicamente più pulita della storia. Al minuto 37 Aki, il midlaner nemico, sale in cattedra con la prima Pentakill di questa edizione di EIC, ma i Racoon non riescono ad essere incisivi e a chiudere la partita, nonostante avessero preso due Inibitori. Poco dopo è il turno degli inFerno di ingaggiare, vengono presi fuori posizione Skel, l’ex della partita, e lo stesso Aki, e a quel punto con una Sivir full build è sufficiente, per i Devils, tirare dritto verso la base nemica per aggiudicarsi la prima vittoria del torneo.

Gli inFerno, nel momento per loro più difficile, riescono a reagire e a distruggere il Nexus dei Racoon 

 

La seconda partita vede i Diavoli scendere nella Landa contro i ragazzi dei Cyberground gaming, formazione siciliana che schiera, nella Corsia Inferiore, due grandi ex come Sharpie e Luque, alla prima contro gli inFerno. Entrambe le composizioni scelte sono interessanti: Rebuffo seleziona per i suoi ragazzi una composizione basata più sul comfort che sul metagame: così Infinity si ritrova sul suo ottimo Sion, Tunaraz seleziona Graves, a Phantomles viene confermata Cassiopeia, mentre vengono scelte, per Saddy e BloodyMark, rispettivamente Kai’Sa e Janna. Gli avversari del giorno rispondono con Camille in Toplane, uno dei migliori pick per Ryko, giocatore che ama quei campioni in grado più di fare danni che di sopportarli; per Vethorm viene preso Trundle in Giungla, Animale seleziona Orianna, mentre le nostre vecchie glorie decidono di optare per una delle coppie più sicure in Corsia Inferiore, ovvero Ezreal-Morgana.

L’avvio vede una fase di studio abbastanza prolungata per le due squadre: nessuno dei due Jungler vuole forzare la prima mossa, così tutte e tre le Corsie si concentrano nel farming. Dopo uno scambio di torri che vede gli inFerno prendere l’oro bonus per la prima struttura distrutta nella partita, è Tunaraz che riesce finalmente ad aggiudicarsi il Primo Sangue: la vittima è Vethorm, sorpreso nella Giungla nemica dal giocatore greco e BloodyMark.

Al minuto 20 il match però si inFiamma, con questo primo vero fight al Drago!

Gli inFerno trovano in questo modo con ben 3.000 unità d’oro di vantaggio, e possono quindi rivolgere la loro attenzione verso il più importante degli obbiettivi: il Barone Nashor.

A questo punto della partita è un’autostrada per gli inFerno, che forti del potenziamento del serpente viola, mirano a quel che rimane delle strutture dei Cyberground Gaming e, poco prima della mezz’ora di gioco, chiudono un game giocato in maniera pulitissima da ogni singolo componente.

Ci hanno sicuramente sorriso le prime due settimane di ESL Italia Championship: nella prima, forse a causa della tensione per l’esordio, ma anche per una sinergia ancora da migliorare con i nuovi BloodyMark e Tunaraz, abbiamo sofferto parecchio per poi ottenere la vittoria contro i Racoon in un match dall’alto contenuto di colpi di scena. Decisamente meglio, una settimana dopo, nella sfida contro i Cyberground Gaming degli ex Sharpie e Luque. Si attende quindi la sfida della terza settimana contro i Clan Vipers, in programma a partire dalle 19 del 10 maggio 2018. Vi aspettiamo numerosi nello streaming di ESL Italia, a spammare #GoDevils e fare il tifo per noi!

Scroll Up